L’archivio della Fondazione Dalmine è composto da circa 120 mila documenti, 80.000 fotografie, 500 audiovisivi, 5.000 disegni, 900 oggetti.

Il fondo aziendale raccoglie documentazione varia prodotta a partire dal 1906 dalla Società tubi Mannesmann, poi Stabilimenti di Dalmine, poi Dalmine S.p.A., oggi TenarisDalmine, nonché dalle società controllate, consociate e partecipate. La documentazione riguarda l’attività dei vari stabilimenti attuali (Dalmine, Sabbio Bergamasco, Costa Volpino, Piombino, Arcore) e storici (Massa, Torre Annunziata, Taranto).

I fondi donazioni presentano per lo più documentazione privata raccolta da ex dipendenti, dipendenti, familiari, attinente l’attività o la relazione che i singoli donatori hanno avuto con l’azienda.

Questo insieme di documenti è traccia tangibile di un secolo di trasformazioni strategiche, tecnologiche, organizzative ed è una fonte primaria per comprendere la storia della produzione, del lavoro, dei prodotti, dei mercati, delle relazioni dell’impresa con il territorio e con la società.

La conservazione, il restauro, l’inventariazione, la digitalizzazione dei documenti sono finalizzate a favorire l’accesso e un’efficace ricerca di informazioni da parte di un pubblico ampio e differenziato. La Fondazione Dalmine fornisce un servizio di consulenza e guida alla consultazione dell’archivio in sede, nonché un servizio di ricerche e reference on line.